Ultimi Commenti

INVIATO AL PRESIDENTE DELLA REPUBBLICA, AL ...

28.10.14 @ 20:57:41
da Lorenzo Lanfranco


La costituzione non mette un limite ...

05.02.13 @ 11:29:50
da Giorgio Casadio


come ho già avuto modo di ...

01.02.13 @ 17:12:46
da giorgio


E' solo una buffonata qualunquistica che ...

01.02.13 @ 16:45:17
da Gian


Non si fa giustizia con questo ...

01.02.13 @ 15:49:19
da Piero


Calendario

Dicembre 2016
LunMarMerGioVenSabDom
 << <Ago 2017> >>
   1234
567891011
12131415161718
19202122232425
262728293031 

Avviso

Chi c'é online?

Membro: 0
Visitatore: 1

rss Sindicazione

Link

    Affissione degli articoli inviati il: 01.01.01

    Allora i presidenti del consiglio per Costituzione non devono essere votati ma li sceglie il parlamento, il parlamento formato da deputati e senatori che li deve scegliere il popolo e con la legge elettorale non li ha scelti ma sono stati scelti dalle segreterie dei partiti, quindi violazione art. 56-58 della Costituzione....


    Siccome i deputati ed i senatori non sono stati scelti dal popolo quindi sono incostituzionali = Parlamento incostituzionale che non può scegliere il presidente del consiglio altrimenti diventa incostituzionale, il presidente della repubblica è scelto dal parlamento, siccome il parlamento è incostituzionale automaticamente il parlamento, il presidente della repubblica ed il presidente del consiglio sono incostituzionali, quindi tutti abusivi....

     

    Leggendo la Costituzione italiana:

    Si apprende dall'art. XVIII disp. trans. e FINALI che:

    "La Costituzione dovrà essere fedelmente osservata come Legge fondamentale della Repubblica da tutti i cittadini e dagli organi dello Stato."

    Quindi, siccome il parlamento è tutto il resto se ne fottono della Costituzione quindi risultano abusivi, illegittimi che sono legittimati dal popolo, quindi il popolo stesso che ha votato con una legge incostituzionale ha violato la Costituzione, quindi in parole povere tutto incostituzionale, evviva l' Italia piena di pecoroni, a questo punto mi sà che sono tutti anarchici dato che fanno i cazzi loro, bene, ci divento anche io così faccio anche i cazzi miei.........


    Mah !!!!!!!!!!!!!

     

    Art. 92:

    "Il Governo della Repubblica è composto del Presidente del Consiglio e dei ministri, che costituiscono insieme il Consiglio dei ministri."


    "Il Presidente della Repubblica nomina il Presidente del Consiglio dei ministri e, su proposta di questo, i ministri."

     

    Art. 94:

    "Il Governo deve avere la fiducia delle due Camere."

    Bene, come può un parlamento illegittimo e incostituzionale dare la fiducia al governo ?

     

    Domanda:

    Perché alle elezioni candidano il Presidente del Consiglio e questi fa campagna elettorale come per essere scelto/eletto dai cittadini anziché dal Parlamento?


    E' un modo che la Casta adotta per fornire un capro espiatorio per tutte le porcate che farà nel tempo (infatti gli italioti che si lamentano non fanno altro che dare le colpe a Prodi una volta, a Berlusconi un'altra volta, etc.) e inoltre è un modo per permettere alla Casta di scavalcare l'iter legislativo nel fare le leggi (leggi che farà il Governo anziché il Parlamento).


    Inoltre serve a mantenere viva negli italiani la mentalità del leader che dirige il paese, esattamente come in antichità c'erano l'Imperatore, il Re, il Duce, etc., e tutto questo impedisce l'evoluzione democratica della popolazione. La Democrazia non prevede leader con poteri decisionali ... ma caso mai dei portavoce con egual potere di qualsiasi altro concittadino.


    Rivolgo ancora una volta la domanda che faccio spesso agli italiani:

     

    CHE CAZZO VOTATE A FARE ANCORA QUESTA GENTE ?

    Ovviamente una legge deve essere in armonia con la Costituzione (cfr. artt. 136 e 134) e per chi ha un cervello e voglia di capire leggendo non occorre un esperto per comprendere quando una legge o parte di essa si scontra con la Costituzione. Quindi anche se i cittadini non decidono in luogo dell'organo preposto se una legge è legittima o meno non sono comunque scemi ed hanno tutto il diritto di astenersi dal votare ancora dei parassiti che se ne fottono dei principi costituzionali più importanti.

    Admin · 311 visite · 0 commenti
    17 Feb 2014
    Allora, io compro dei prodotti.

    Nei prodotti che compro pago una tassa cioè l' iva.....

    I prodotti hanno una confezione e quindi io pago il prodotto + la confezione compresa l' iva..

    Io consumo il prodotto e butto la confezione pagata da me iva compresa....

    Viene l' azienda incaricata a ritirare il rifiuto e l' azienda fà la differenziata.....

    La differenziata dove và a finire ?

    Da li ci sono i guadagni, perchè con la confezione di carta (scatole, cartoni) fanno la carta riciclata per utilizzarla e la vendono e da qui ci guadagnano, lo stesso discorso vale anche per altri tipi di rifiuto.....

    Quindi io, pago una confezione, loro se la prendono ed io devo pagare a loro perchè se la prendono mentre alla fine ci guadagnano loro ?

    Da precisare che io quella confezione l' ho pagata prima (prodotto + confezione + iva)....

    Quindi alla fine perchè devo pagare oltre la confezione che butto anche il servizio perchè se la ritirano, è una tassa ?E perchè devo pagare una tassa 2 volte ?

    Capite adesso ?
    Admin · 263 visite · 0 commenti
    Categorie: Prima categoria
    07 Giu 2013

    A livello nazionale esiste la Costituzione che contiene dei principi su cui devono basarsi le leggi e le leggi sono norme attuative/applicative dei principi esposti nella Costituzione e sono tante.


    A livello locale esiste una sorta di costituzione, lo Statuto che contiene anch'esso dei principi statutari che richiedono norme attuative/applicative più dettagliate e i Regolamenti servono anche a questo.


    Lo Statuto di Noto è stato deliberato con Delibera n. 37 del 21/6/2004.


    Se leggete l' articolo 58 dello statuto comunale di Noto comma 1 c'è scritto che i regolamenti sono deliberati entro 1 anno dall' entrata in vigore dello statuto.


    Lo statuto comunale è entrato in vigore precisamente il 21/7/2004 perchè l' articolo 59 dello statuto dice che lo statuto entra in vigore trascorsi trenta giorni dalla sua affissione all' Albo Pretorio dell' ente.


    Ritorniamo al regolamento....


    Come ho detto, i regolamenti devono essere deliberati entro 1 anno dall' entrata in vigore dello statuto quindi doveva essere deliberato il giorno 21/7/2005......


    Siamo adesso nel 2013, e sono trascorsi ben 8 anni e ancora il regolamento non è stato deliberato......


    L' articolo 8 comma 11, richiama il regolamento che determina i criteri di formulazione del quesito, le modalità per la raccolta e l' autenticazione delle firme per lo svolgimento delle operazioni di voto.


    Il regolamento determina, la modalità per l' informazione dei cittadini sul referendum e per lo svolgimento della campagnia referendaria.


    Siccome questo regolamento non è stato deliberato, capite perchè se raccogliamo le firme per una determinata cosa li buttano nella spazzatura ?


    Senza un regolamento sapete come raccogliere le firme ?


    Capite adesso ?


    Allora lo vogliamo chiedere questo regolamento e pretendere che lo facciano dato che ancora non l' hanno fatto ?


    Io è da Marzo che chiedo a loro di questo regolamento e non mi danno risposte perchè non sanno cosa rispondere, perchè non chiediamo tutti insieme di questo regolamento in modo che lo facciano. 


    Ho aperto un gruppo per discutere di questa cosa e cosa fare.........


    Lo sapete che si possono raccogliere delle firme e con un referendum fatto dai cittadini si può obbligare l' amministrazione comunale a togliere l' imu ?, a riportare l' acqua pubblica ecc... ?


    Ma prima bisogna chiedere questo regolamento perchè la richiesta del regolamento è solo il primo passo da fare, poi riguardo al secondo passo ve lo spiego nel gruppo, ma ripeto chi si iscrive al gruppo deve fare non solo chiaccherare...............




    Admin · 304 visite · 0 commenti
    Categorie: Prima categoria
    07 Giu 2013
    Fino a quando non ci sarà la democrazia diretta che deve pretendere il popolo non cambierà assolutamente nulla........
    L' Italia ha un debito di oltre 2.000 miliardi che aumenta sempre di più e nessuno dico nessuno che vuole sospendere il debito........
    Fino a quando non si sospende il debito non si possono abbassare tasse perchè lo stato per pagare un debito deve avere delle entrate che li ha con le tasse oppure con i titoli di Stato, e loro oltre a pagare una parte del debito continuano intanto a sprecare lo stesso e contemporaneamente fanno altri debiti.
    Uno può dire che fare allora ?
    - Sospendere il debito per 20-30 anni
    - Stamparsi una propria moneta e abbandonare l' euro dato che l' euro è una moneta della BCE quindi se lo stato attualmente ha bisogno di denaro deve chiedere in prestito denaro dalla BCE e loro ovviamente al prestito metteranno gli interessi, quindi debito + interessi.....
    - Iniziare ad eliminare tutti gli sprechi e cercare i colpevoli che hanno procurato e continuano a procurare il debito e farli pagare.......
    - Defiscalizzare le aziende ed incentivarle in modo che se assumono prendono dei bonus in parole povere bisogna che l' Italia deve produrre ricchezza solo così l' Italia si può risollevare....
    E se aspettiamo che lo facciano gli eletti c'è lo possiamo scordare tutto questo.......
    Come ho detto la soluzione è la democrazia diretta perchè sarà il popolo a sospendere il debito.

    A proposito di Titoli di Stato:
    I titoli di Stato sono obbligazioni emesse periodicamente dal Ministero dell'Economia e delle Finanze per conto dello Stato con lo scopo di finanziare il proprio debito pubblico o direttamente il deficit pubblico.

    Quindi i titoli di stato servono per finanziare il debito, e come lo finanziano il debito pubblico ?
    Mettendo tasse e fare il prestisto dalla BCE o da altri Stati quindi i titoli di stato sono delle cambiali.
    Capite ?
    Admin · 265 visite · 0 commenti
    Categorie: Prima categoria
    04 Apr 2013

    Allora, io compro dei prodotti.

    Nei prodotti che compro pago una tassa cioè l' iva.....

    I prodotti hanno una confezione e quindi io pago il prodotto + la confezione compresa l' iva..

    Io consumo il prodotto e butto la confezione pagata da me iva compresa....

    Viene l' azienda incaricata a ritirare il rifiuto e l' azienda fà la differenziata.....

    La differenziata dove và a finire ?

    Da li ci sono i guadagni, perchè con la confezione di carta (scatole, cartoni) fanno la carta riciclata per utilizzarla e la vendono e da qui ci guadagnano, lo stesso discorso vale anche per altri tipi di rifiuto.....

    Quindi io, pago una confezione, loro se la prendono ed io devo pagare a loro perchè se la prendono mentre alla fine ci guadagnano loro ?

    Da precisare che io quella confezione l' ho pagata prima (prodotto + confezione + iva)....

    Quindi alla fine perchè devo pagare oltre la confezione che butto anche il servizio perchè se la ritirano, è una tassa ? 

    E perchè devo pagare una tassa 2 volte ?

    Capite adesso ?


    Admin · 269 visite · 0 commenti
    Categorie: Prima categoria
    04 Apr 2013

    Pagina precedente  1, 2, 3, 4, 5, 6, 7, 8, 9, 10  Pagina Successiva